(IN) Netweek

MILANO

Centri commerciali e Croce rossa italiana insieme per una grande campagna di solidarietà

Share

Un’iniziativa di solidarietà, nata dalla collaborazione tra la Croce Rossa Italiana e i Centri Commerciali d’Italia associati al Cncc (Consiglio Nazionale Centri Commerciali), con l’obiettivo di promuovere la cultura della cittadinanza attiva, promuovere i valori umanitari e aumentare il coinvolgimento della popolazione rispetto ai bisogni della propria comunità.

Nelle due domeniche del 17 e 24 febbraio i volontari della Croce Rossa Italiana sono presenti nei 313 centri commerciali aderenti all’iniziativa con un corner adibito alla raccolta fondi. In ogni postazione vengono organizzate numerose attività di promozione di stili sani di vita, quali ad esempio la misurazione della pressione arteriosa, donazione del sangue, lezioni informative di primo soccorso (rianimazione cardio-polmonare, manovre di disostruzione pediatriche, uso del defibrillatore semi-automatico).

L’obiettivo della campagna è di raccogliere, tra le donazioni spontanee dei visitatori e il contributo diretto degli stessi centri commerciali, la cifra da destinare all’acquisto di ambulanze a sostegno delle comunità.

La bella iniziativa, presentata da Massimo Moretti, presidente Cncc, Flavio Ronzi, segretario generale della Croce Rossa Italiana, e Claudio Gradara, presidente di Federdistribuzione, ha già registrato un ottimo successo domenica 17 febbraio e verrà riproposta domenica 24, dimostrando in concreto che gli spazi del commercio possono trasformarsi in luoghi di promozione di buone pratiche e di diffusione di attività a sostegno della prevenzione e della cura della salute.

Ma oltre alla solidarietà, c’è anche la preoccupazione più generale per le future sorti del comparto, in particolare in riferimento a novità normative più volte rivendicate dall’attuale maggioranza di Governo, soprattutto sul fronte Cinquestelle. E sul nodo delle chiusure domenicali nello specifico Moretti parla chiaro: «Il dato dei 40mila è per altro sottostimato: alla Politica chiediamo anche noi (come per la Tav) di fare un’analisi costi-benefici perché ci sia la massima chiarezza su questo tema».

Leggi tutte le notizie su "Alessandria"
Edizione digitale

Autore:gac

Pubblicato il: 18 Febbraio 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.